fbpx

Il tuo approccio allo Yoga: iniziare senza stancarsi

approcciarsi allo yoga sangat
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su pinterest
Buongiorno cari lettori di Sangat,
oggi vogliamo parlare di un argomento molto importante per chi inizia a fare yoga: come meglio
approcciarsi allo yoga?
Le persone iniziano a praticare yoga per motivi più disparati: per molti lo scopo è fare esercizio fisico, altri
possono avere qualche infortunio e vengono indirizzati dal proprio medico a questa pratica. Qualunque sia
il motivo, vogliamo darvi alcuni semplici consigli per iniziare a praticare yoga.
1.
Inizia dal punto in cui ti trovi
Quando si inizia a praticare yoga, spesso ci si sente rigidi e scomodi e quindi si possono avere
difficoltà a fare determinate posizioni. Ciò è assolutamente naturale, non dobbiamo scoraggiarci in
quanto ogni persona è unica (fisiologicamente e non solo) ed ognuno ha il suo percorso personale.
Il nostro consiglio migliore è quello di iniziare dal punto in cui si è, senza pretendere di eseguire
subito quella posizione o quel movimento, senza forzare un processo che dovrebbe essere più
naturale possibile.
2.
Non pretendere troppo da te stesso
Spesso praticando in una classe, si tende a confrontarsi con gli altri allievi, e ciò può demoralizzare o
intimidire se ci sembra che la nostra pratica non sia allo stesso livello o che altri facciano meglio di
noi. Il nostro consiglio è di focalizzarsi sulla propria pratica, sul proprio sé (corpo e mente) e quindi
evitare di entrare in competizione. Ciò significa anche rispettare e non sforzare il corpo a fare
qualcosa per cui non è ancora pronto. Vincere quindi sul nostro ego che ci porterebbe a continui
paragoni e a cercare di essere “migliore”.
3.
E’ lo yoga che si adatta alla persona
Dire che lo yoga è per tutti non è un’esagerazione: non ci sono limiti di età, di capacità motorie, ecc.
E’ importante ovviamente scegliere il tipo di yoga che più ci piace, in base anche al motivo per cui lo
facciamo. Ma è importante anche sapere che nello yoga non si definiscono dei livelli (principianti,
intermedio, avanzato) perché l’unica cosa che distingue gli allievi è da quanto tempo praticano, e
quindi chi pratica da più tempo avrà una maggiore conoscenza, ma non è detto abbia una maggior
capacità.
Il Vinyasa yoga che può sembrare troppo “avanzato” a chi non conosce lo yoga, può invece essere
fatto anche da un neofita. Esistono innumerevoli posizioni (asana) e altrettante loro varianti, che
permettono a chi non conosce e/o ha specifiche limitazioni fisiche di praticare vinyasa. Infatti è lo
yoga che si adatta al praticante, al suo corpo e alle sue capacità. Siamo quindi consapevoli che lo
yoga non pretende di cambiare una persona, ma che invece è un potente strumento per il nostro
benessere.
Speriamo che anche chi non conosce questa meravigliosa pratica, ma ne è incuriosito e vorrebbe entrare in
questo mondo, abbia degli strumenti e delle motivazioni in più per iniziare; e sappia con quale attitudine
noi del team Sangat ci rivolgiamo e interagiamo con i nostri allievi.
Facci sapere nei commenti se questo articolo ti è piaciuto, e se lo hai trovato utile.
​Puoi contattare il nostro Team h24 a questo indirizzo di posta elettronica: info@sangat.it
Se vuoi conoscere la nostra storia, vai sulla home del nostro sito, cliccando qui: http://www.sangatwellnessteam.com

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Torna su

Digital il tuo messaggio

Stai scrivendo a Sangat Veneto

Sangat Wellness Team Chi siamo

Digita il tuo messaggio

Stai scrivendo a Sangat Toscana